O P I F I C I O      S P E R I M E N T A L E   D ‘  A R C H I T E T T U R A  





Nella prima metà del sec. XII una folla di artigiani lavorava al nuovo Palazzo Reale di
Palermo che sorgeva dalla parte opposta del “vetus palatium quod dicitur Maris Castellum”.
Questi artigiani erano Arabi, Greci, Ateniesi, Corinzi, Armeni, Siriaci ed Egizi, Franchi e
forse anche Lombardi; erano cristiani, ebrei e maomettani, latini e ortodossi, parlavano
in arabo, in greco, ed in latino ed erano uniti, tutti insieme,  dalla forza del lavoro in Opificio.